14R TAMAI – Cartigliano 1-1

Tamai – Cartigliano 1-1
GOL: pt 14′ Serafin; st 8′ Visinato
TAMAI: Mason, Barbierato, Pramparo, Russian, Tanasa, Colombera (st 38′ Presello), Terranova (st 17′ Alcantara), Dalla Vedova (st 23′ Borgobello), Maccan, Serafin (st 30′ Lubian), De Anna. All. Bianchini
CARTIGLIANO: Bortignon, Parise, Bellossi (pt 38′ Paiolo), Bragagnolo, Stocco, Pellizzer, Michelon (st 37′ Zacchia), Appiah, Nonni (st 9′ Bizzotto), Visinoni, Ronzani. All. Ferronato
ARBITRO: Pezzopane de L’Aquila; assistenti: Agostino di Sesto San Giovanni e Cesarano di Castellamare di Stabia
NOTE: ammoniti Colombera, Nonni, Dalla Vedova, Pellizzer, Russian, Bragagnolo, Paiolo. Recupero pt 1′, st 5′. Angoli 6-3. Espulso Paiolo al 94′ per somma di ammonizioni. Spettatori 450.

TAMAI – La vittoria di Belluno è stata una vera e propria iniezione di fiducia e carica morale. La classifica corta non porta a sbilanciarsi ad eventuali previsioni, con uno scenario che cambia finale domenica dopo domenica.
Contro il Cartigliano manca Giglio squalificato, oltre all’assenza datata di capitan Faloppa. Promosso titolare Dalla Vedova a rinforzare il centrocampo, mentre Serafin veste i panni del “10”.
Tamai coraggioso in avvio di gara. Al 4′ De Anna serve Terranova con un pallone morbido e preciso a scavalcare le linee. Appoggio di prima intenzione di Pietro a cercare Maccan, anticipato da un difensore prima della stoccata.
La prima occasione degli ospiti è una gentile concessione delle furie. Un calcio d’angolo a favore diventa un contropiede per l’undici di Ferronato, propiziato dalla scivolata involontaria di Russian. Parise ne approfitta e si invola palla al piede, fermato dai pugni di Mason, in chiusura sul primo palo.
Al 14′ il vantaggio. Pramparo dalla sinistra mette dentro un pallone rasoterra velenoso. Maccan viene anticipato dal difensore, ma da terra riesce comunque a fare la sponda per Serafin che, con l’interno piede, gonfia la rete.
Il Tamai continua a costruire una buona mole di gioco, mostrando anche un bel calcio. Tanasa ci prova dalla distanza al volo. Buona la coordinazione, un po’ meno la mira.
Al 35′ ancora una dimostrazione di perfetta intesa sull’asse Pramparo-Maccan. Cross al bacio dell’esterno girato a botta sicura di testa da Denis. Ottima la risposta di Bortignon, ma il guardalinee ferma tutto per fuorigioco.
Il promettente primo tempo delle furie si scontra con avvio di ripresa agguerrito da parte degli ospiti, capaci dopo 8′ di riportare la situazione in parità.
Appiah vince un contrasto con Terranova e avvia l’azione servendo in profondità Visinoni. È abile il numero 10 ad avere la meglio su Russian e solo davanti a Mason, a metterlo a sedere con una finta, depositando in rete il gol dell’1-1.
Il Cartigliano cambia decisamente volto e al 18′ rischia di passare. Mason azzarda l’uscita su una punizione laterale, consegnando il pallone a Bizzotto. Il primo tentativo è respinto con il corpo, mentre il secondo è un pallonetto quasi vincente, fermato sulla linea dall’ottimo posizionamento di Colombera.
La partita è aperta ed entrambe le squadre hanno le chance per passare in vantaggio.
Al 27′ gran giocata di Marco de Anna che riceve in profondità da un compagno, aggancia e salta con un tunnel l’uomo, prima di concludere verso lo specchio. Tiro forte ma centrale che Bertignon blocca in due tempi.
I vicentini in contropiede riescano a far ballare con troppo facilità la difesa e al 34′ hanno ancora l’occasione per l’1-2. Bizzotto serve in mezzo Visinoni che può calciare un rigore in movimento. Colpo a botta sicura che Mason, con l’aiuto di Barbierato, salva in calcio d’angolo.
Nella girandola finale di emozioni, ancora due sussulti. Al 39′ Paiolo solo in area colpisce di testa e viene fermato dal palo, a portiere battuto. Sull’altro fronte risponde Maccan, a recupero avviato, con un altro colpo di testa perentorio. Colpo di reni di Bortignon che si allunga e para.
Termina 1-1 lo scontro diretto al Comunale. C’è più di qualche rammarico visto come si era messa la gara, ma la salvezza è ancora a portata e giovedì si va a Trento. Sono le ultime 3 partite prima dell’eventuale fase playout. Avanti tutta. Suu rossi su!!!

PIÚ E MENO

+ Se guardiamo il bicchiere mezzo pieno, il punto conquistato è vero che non muove molto la classifica, ma mantiene incollato il treno salvezza. Sono 3 i punti dalla zona playout ma allo stesso tempo 6 dalla salvezza diretta. Oggi gran primo tempo, per mole e qualità di gioco. Bene tutto il reparto d’attacco ma anche le fasce, con Terranova e Pramparo vere e proprie spine nel fianco.

– Purtroppo, per come si era incanalata la partita il pareggio suona più come due punti persi, che uno guadagnato. Qualche disattenzione difensiva ha pagato, con il rischio di subire anche il secondo gol. Un pizzico di cattiveria agonistica maggiore avrebbe altresì permesso di chiudere prima la partita.

Fabrizio Sacilotto

Intervista post partita

Sono parole intrise di amarezza quelle di mister Bianchini. È consapevole che il Tamai oggi poteva centrare il risultato pieno, nonostante nella ripresa gli avversari abbiano addirittura rischiato di vincere: “Siamo dispiaciuti – commenta con un pizzico di delusione il tecnico – Dovevamo chiudere la partita nel primo tempo. Eravamo nettamente superiori e non siamo riusciti a incrementare il vantaggio. Le partite vanno a fasi perché giustamente poi vengono fuori anche gli avversari. Dovevano metterla al sicuro nel primo tempo e non ci siamo riusciti. È venuta fuori poi una partita strana, abbiamo commesso degli errori dietro e potevamo anche perderla, come allo stesso tempo vincerla. Non è stato quello che speravamo. Capisco i ragazzi perché non è facile giocare con l’assillo di dover fare risultato. Adesso andiamo a Trento e dobbiamo prenderci dei punti”.
Un’ottima prestazione di Pramparo sul versante sinistro, che nonostante i pochi minuti accumulati, dimostra già una buona rapidità di gamba oltre ad una perfetta intesa con Maccan. Meglio esterno che centrale?: “Nicholas ha disputato sicuramente una buona gara. È un mancino naturale e in quel ruolo ho lui o Lubian. Pramparo sa anche difendere, ha un buon piede per crossare quindi al momento, mi sembra la giusta soluzione”.

Fabrizio Sacilotto