Tamai-Luparense 13-03-2016-1

Amnesie e “regali” consegnano la vittoria ai Lupi.

 

I lupi vincono l’undicesima giornata di ritorno, sfruttando al massimo i nostri errori difensivi che di solito non concediamo. Un primo tempo giocato bene dai nostri colori, un solo brivido nei primi minuti con una traversa colta dagli avversari da calcio da fermo. Per il resto ci provano un po’ tutti, da Diaw alla conclusione dentro l’area fuori bersaglio a Giacomini (anch’egli fuori bersaglio) a Paladin che per poco non arriva sulla sfera dopo l’ottimo assist di Diaw. De Poli in grande spolvero svaria da una parte all’altra del campo dispensando palloni. Il vantaggio tuttavia è ospite in una situazione “normale” di gioco è Peresson a metterci del suo non sventando un innocuo cross dalla sinistra. Ne approfitta Beccaro depositando in rete.

Nel secondo tempo c’è subito l’occasione per ripristinare il pari per fallo in area su Diaw. E’ lo stesso attaccante a presentarsi sugli undici metri, ma il tiro viene respinto in angolo dall’ottimo Rossetto. Gol sbagliato, gol subito. E’ il 9’ e una indecisione su retropassaggio tra Giacomini e Peresson mette in moto Pittarello che in diagonale insacca. Doccia fredda, ma non si molla. Roveretto segna, ma il guardalinee aveva già da un pezzo il braccio alto per fuorigioco. Seguono due buone occasioni per De Poli (girata di testa in area appena oltre il palo) e Diaw (su potente punizione Rossetto ci arriva con le punta delle dita). Inutile il forcing finale.

 

 

TAMAI - LUPARENSE 0-2.

Marcatori: 32' pt Beccaro, 9' st Pittarello.

TAMAI
Peresson, Cudicio, Bignucolo, Giacomini, Ursella (37' pt Furlan), Faloppa, Tuan, Concas (25' st Righini), De Poli, Paladin (20' st Sellan), Diaw.
All. Stefano De Agostini.

LUPARENSE
Rossetto, Pregnolato, Sanavia, Pignat (24' st Faggin) , Baggio, Severgnini, Di Fusco, Cavallini, Pittarello (29' st Roveretto), Beccaro (37' st Sottovia), Giglio.
All. Enrico Cunico

Arbitro e assistenti: Bindella (sez. Pesaro), Lanese (Fermo), Teodori (Fermo).

Note. Ammoniti: Paladin, Concas (T); Pignat, Baggio, Rossetto, Cavallini (L). Recuperi: pt 2', st 3'.

 
In occasione del primo gol da notare lo strano effetto che viene dato al pallone (il cross non è diretto ma tocca prima il terreno). Una volta che la sfera tocca per la seconda volta l'erba allunga la sua traiettoria tradendo l'intervento di Peresson.