Tamai - Legnago Salus 1-1

Prima giornata di ritorno, con le gambe appesantite dai richiami di preparazione effettuati nella sosta, si chiude con un buon pareggio contro una squadra in salute e rafforzata dalla campagna acquisti invernale. Questa partita domenicale era l'unica del panorama pordenonese ed è stata un'occasione per rivedere con piacere al Comunale di Tamai alcune vecchie glorie delle Furie (nella foto nell'ordine da sinistra Nicola Paolini, Renzo Nonis ed il capitano Fabrizio Petris insieme al nostro Gianpaolo Pegolo).

Tamai - Este 1-4

Partita dai due volti quella a cui abbiamo assistito oggi al Comunale di Tamai, un primo tempo con almeno 5 occasioni da gol per i ragazzi di mister Bisioli (di cui un palo interno clamoroso colpito da Maccan) e chiuso in svantaggio nell'unica occasione degli ospiti. Tutti si aspettavano una reazione nel secondo tempo e invece è sembrato come se la squadra non fosse rientrata in campo, forse anche scossa per il grave infortunio occorso nel finale del tempo al giovane Battaino a cui vanno gli auguri di tutti per una ripresa migliore possibile.

Tamai  - Campodarsego 2-4

Difficile commentare l'ennesima sconfitta casalinga dei ragazzi di mister Bisioli. Il risultato sembra non dare alibi e invece oggi al Comunale abbiamo assistito ad una partita gagliarda da parte delle Furie condita si da qualche errore, ma certamente non assistita dalla buona sorte. Non resta che preparare al meglio la partita di domenica prossima nel difficilissimo campo di Belluno.

Abano Tamai 0-3

A giudicare dalla classifica prima di domenica la trasferta di Padova sembrava il classico trabocchetto. Sottovalutare questo incontro con il fanalino di coda avrebbe comportato grossi guai. Bravi i ragazzi di mister Bisioli a mettere in campo attenzione tecnica ed impegno per domare una squadra che veniva da quattro punti in due partite (vittoria in trasferta con i cugini del Cjarlins e pareggio con la capolista Virtus).

Tamai - ArzignanoValchiampo 1-2

Una partita gagliarda e ben preparata non è stata sufficiente per assicurare un risultato positivo ai colori di casa. Su alcuni episodi possiamo recriminare, ma per il momento è meglio far tesoro degli errori commessi, rimboccarsi le maniche e prepararsi alla difficilissima trasferta di domenica in casa di un Abano che sta provando in ogni modo a rilanciare le proprie speranze di salvezza.