TAMAI CALCIO, formazione casa

12A Campodarsego-TAMAI 2-1.

40055247_2123394451213874_7299444593412538368_oCampodarsego – Tamai 2-1

GOL: pt 33′ rig. Zane; st 8′ Vuthaj, 48′ Alcantara
CAMPODARSEGO: Cazzaro, Seno, Gusella, Zane, Colman Castro, Dario, Trento, Scapin (st 40′ Salata), Vuthaj, Franciosi (st 27′ Caporali), Raimondi (st 33′ Florian). All. Andreucci.
TAMAI: Colesso, Vedova (st 24′ Kriezyu), Presello (st 35′ De Biasi), Colombera, Borgobello, Faloppa, Alcantara, Dalla Vedova, Maccan, Terranova (st 24′ De Anna), Nadal. All. Bianchini
ARBITRO: Castellone di Napoli; assistenti: Pinna di Pinerolo e Nechita di Lecco
NOTE: ammoniti Raimondi, De Anna. Recupero pt 2′, st 3′. Angoli 4-11.

CAMPODARSEGO – Si volta pagina, pronti per scrivere un nuovo capitolo.
Dopo aver salutato e ringraziato mister Luca Saccon, le furie hanno accolto il nuovo tecnico, Giuseppe Bianchini, pronto per il debutto di fuoco a Campodarsego.
Entra in punta di piedi il mister, senza stravolgere né gli uomini in campo nell’assetto della squadra.
Si riparte dal 4-3-3 con Terranova e Alcantara a supporto di Maccan, Borgobello vertice basso della mediana.
Prova a farsi vedere subito il Tamai. Dalla Vedova vince un rimpallo al limite dell’area, va alla conclusione ma Cazzaro è attento e para.
Rispondono i padroni di casa con l’ex Franciosi che scende sulla fascia cercando l’inserimento di Vuthaj. Il primo colpo di testa è respinto con un super riflesso di Colesso, sul tap in è decisivo invece Presello, che anticipa l’attaccante chiudendo in corner.
Al 33′ il Campodarsego colpisce. L’azione riparte sugli sviluppi di un calcio di punizione in attacco, respinto due volte dalla barriera. Raimondi intercetta la sfera e si invola palla al piede. Vuthaj riceve il filtrante, conclude verso Colesso che para ma Vedova sulla respinta atterra Franciosi. Secondo l’arbitro l’intervento è falloso ed indica il rigore. Situazione dubbia che nemmeno i commenti nel dopo partita da entrambi gli spogliatoi riescono a chiarire. Sul dischetto va Zane che spiazza Colesso per l’1-0.
Il secondo tempo si apre con un pregevole colpo di reni di Cazzaro su Alcantara, che toglie la palla indirizzata a fil di palo.
Il Campodarsego quando riparte è travolgente e all’8′ va sul 2-0. È ancora da una triangolazione tra Franciosi-Raimondi-Vuthaj che nasce il raddoppio, con quest’ultimo lesto a ribadire in rete una respinta di Colesso su Raimondi.
Il Tamai aumenta la pressione e il mister inserisce Kriezyu e De Anna per rimpolpare centrocampo e attacco, al posto di Vedova e Terranova. Anche De Biasi prende il posto di Presello a 10′ dal termine, per sfruttare i suoi centimetri sulle numerose palle dalla bandierina. È proprio da uno dei molti corner, in pieno recupero, che arriva il gol della bandiera. Alcantara è bravo a sganciarsi dalla marcatura di Salata e da due passi insacca alle spalle di Cazzaro.
Nonostante la sconfitta, arriva una conferma. Il Tamai ritrova lo spirito e la cattiveria agonistica che servono per conquistare una salvezza. L’imponente mole di calci d’angolo non è un dato di poco conto, sintomo di una manovra offensiva più intensa e globale. C’è da lavorare ma il tempo è dalla nostra parte. Suu rossi su!!

PIÙ E MENO

+ Il mordente e lo spirito agonistico sono e devono essere, due componenti fondamentali per una squadra coinvolta nella lotta salvezza. Oggi si sono viste entrambe, l’importante è dare continuità da questo punto di vista. Sul piano del gioco, prestazione intraprendente di Dalla Vedova, ottimo incursore di centrocampo. Il gol è il giusto premio per Alcantara, a coronamento della solita prestazione di sacrificio e qualità.

– Restano da limare alcuni errori tecnici e di concentrazione che alle volte possono da soli, decidere una partita. Al mister il compito di ripartire da qui per perfezionare la squadra, portandola fuori dalla zona rossa attuale.

Fabrizio Sacilotto

TRA POCO LE PRIME PAROLE DI MISTER GIUSEPPE BIANCHINI. STAY TUNED 🔴⚪️

Intervista mister Bianchini post Campodarsego – Tamai

Il benvenuto è arrivato mercoledì. Quattro giorni con i ragazzi, per conoscerli e per cercare di instaurare da subito quel feeling che è fondamentale per raggiungere un obiettivo comune. Il tempo a disposizione non è stato molto, ma la voglia di cambiare le sorti di un campionato fino ad ora piuttosto delicato, non è quantificabile.
È questa la situazione in cui si presenta mister Giuseppe Bianchini, che esordisce a Campodarsego con un risultato diverso da quello che forse aveva sognato.
Le vittorie di Belluno e Clodiense retrocedono le furie al penultimo posto in graduatoria. Tuttavia il distacco con le altre concorrenti rimane minimo ed è decisamente presto per creare allarmismi esagerati.
Perdere non è mai bello. Il 2-1 finale comunque trasmette l’impressione di una squadra viva, capace di lottare con tutti e pronta a togliersi finalmente le soddisfazioni che merita.
Risultato a parte, può ritenersi soddisfatto di quanto i suoi ragazzi hanno espresso in campo?:<< Innanzitutto dispiace non aver portato a casa punti – afferma il mister – La gara di oggi ci lascia aspetti positivi e altri meno, su cui per forza dobbiamo lavorare. Sono comunque sereno perché ho visto lo spirito giusto. I ragazzi hanno voluto fare la partita, l’hanno interpretata bene e l’atteggiamento è positivo>>. Mentalmente come ha trovato la squadra? C’è da intervenire a livello di testa?: << No, i ragazzi sono consapevoli del momento difficile in cui ci troviamo ma questo non significa che mentalmente ne soffrano. Hanno un’ottima cultura del lavoro, sanno che ci sono diversi aspetti su cui intervenire ma hanno voglia di migliorarsi, per uscirne tutti insieme. Sono sereno perché sono convinto che potremmo solo crescere d’ora in poi>>.
Il 4-3-3 non è stato toccato. È un modulo che piace o comunque verranno valutate delle alternative?: << Non ho voluto creare confusione e quindi abbiamo utilizzato lo stesso modulo sia perché si adatta bene alle caratteristiche dei ragazzi sia perché lo ritengo una buona espressione tattica. Tuttavia avremo il tempo per provare delle alternative e sicuramente valuteremo anche altre opzioni>>.

Fabrizio Sacilotto