Formazione TAMAI CALCIO, turno preliminare Coppa Italia

7A Clodiense-TAMAI 0-1.

 

Clodiense – Tamai 0-1

GOL: st 31′ Alcantara
CLODIENSE: Camerlengo, Bagaloro, Scandilori, Ballarin, Cuomo, Abrefah, Pelizzer (st 24′ Nappello), Arvia, Farinazzo (st 33′ Barone), Martino (st 35′ Cecconello), Bullo. All. Vittadello.
TAMAI: Colesso, Vedova, Presello, Furlan, Colombera, Faloppa, Alcantara, Nadal, Maccan, Giglio, De Biasi (st 19′ Borgobello). All. Saccon.
ARBITRO: Bullari di Brescia; assistenti: Rinaldi di Pisa e Berria di Livorno.
NOTE: ammoniti Pelizzer, Nadal, Ballarin. Angoli 7-5. Al 76′ Maccan sbaglia un calcio di rigore.

CHIOGGIA – <<È un momento difficile in cui dobbiamo uscirne tutti insieme>>. Si era espresso così capitan Faloppa dopo la sconfitta di domenica scorsa. Le furie non ritrovano la vittoria ormai da un mese, dal 2-3 di Chions dove per 60′ si era visto un gioco dominante.
L’avversario odierno è la Clodiense, squadra in difficoltà è reduce da risultati non esaltanti nell’ultimo periodo.
Mister Saccon cambia ancora, preferendo Furlan a Borgobello e De Biasi a Terranova nell’undici iniziale.
Un fortissimo vento caratterizza la prima frazione di gioco, difficile se non impossibile impostare una manovra palla a terra. Ogni calcio piazzato diventa velenoso, vista la traiettoria imprevedibile. Al 15′ da uno di questi, Giglio per poco non manda direttamente in rete grazie alla spinta del vento.
Accade poco in termini di azioni nei primi 45′.
Al 23′, dopo un doppio cambio di gioco, Martino raccoglie un pallone lungo sul secondo palo ma in scivolata non riesce a correggere in rete.
Sul fronte Tamai, l’unica iniziativa degna di nota è ad opera di Alcantara che in diagonale prova ad impensierire Camerlengo. Parata semplice, grazie a un rimpallo favorevole (40′).
Nella ripresa le furie ingranano la seconda marcia e alla lunga iniziano a premere gli avversari nella propria metà campo.
Al 26′ buona occasione in area bianconera. Giglio pesca in area Maccan, controllo e tiro rimpallato. Alcantara recupera la sfera ma alza la mira sparando alle stelle.
Neanche un giro di lancette e Nadal suggerisce in area per Giglio, abile a ritagliarsi uno spazio solo in area. Anche stavolta la conclusione sorvola la traversa e finisce alta.
Si fa perdonare presto Matteo, guadagnandosi un calcio di rigore al 31′ per atterramento causato da Bagarolo. Sul dischetto si presenta Maccan che per la seconda partita consecutiva si fa intuire la conclusione. Questa volta arriva Alex Alcantara rapido a ribadire in rete la respinta, firmando il vantaggio per le furie.
La Clodiense adopera un paio di cambi ma è ancora il Tamai a rendersi pericoloso. Al 38′ Giglio ha la palla per il raddoppio ma dopo un ottimo dribbling, spara addosso al portiere da pochi passi.
Ci prova anche Maccan ad entrare nel tabellino marcatori ma viene fermato dall’anticipo disperato del difensore, sul preciso suggerimento di Alcantara.
Cala il sipario a Chioggia. Le furie portano a casa 3 punti fondamentali, per classifica e umore. Avanti compatti, suu rossi su!!!

PIÙ E MENO

+ Finalmente i 3 punti. Sono tanti i motivi per sorridere oggi, dalla vittoria ritrovata alla difesa rimasta imbattuta per la prima volta in campionato. Il Tamai espugna Chioggia in virtù di un buon secondo tempo, con un passivo che poteva essere anche più largo. Sugli scudi Alcantara, autore del gol vittoria, ma buona anche la prestazione di Giglio, dinamico e sempre pericoloso. Citazione di merito anche per la fase difensiva, con centrocampo e difesa orchestrati al meglio.

– Il successo esterno toglie diversi malumori, riportando serenità nell’ambiente. Il primo tempo sottotono e il mancato raddoppio, nonostante le diverse occasioni create, sono due punti su cui lavorare in settimana. La classifica resta cortissima ragion per cui l’attenzione deve rimanere massima.

Fabrizio Sacilotto

LE FURIE RITROVANO LA VITTORIA. LE PAROLE DEL MISTER TRA POCO QUI SULLA PAGINA 🔴⚪️

 

Intervista mister post Clodiense-Tamai 🔴⚪️

Un successo esterno è sempre importante e trascina inevitabilmente con sé energia positiva e consapevolezza dei propri mezzi. A maggior ragione se questo arriva dopo un periodo buio, con un punto raccolto nelle ultime 3 partite. È pienamente soddisfatto mister Saccon per il risultato di Chioggia, che allontana le tensioni: <<Sono contento per la gara che hanno disputato oggi i ragazzi. La vittoria è stata meritata e abbiamo avuto anche diverse occasioni per centrare il raddoppio nel secondo tempo. Abbiamo fatto bene sulle corsie laterali con Alcantara e Giglio, riuscendo a mettere in difficoltà l’avversario. Non era una gara facile. Soprattutto nel primo tempo abbiamo patito il forte vento che modificava le traiettorie>>. Una vittoria fondamentale anche per l’umore dei ragazzi. Cosa è cambiato dopo le ultime due prestazioni?: <<Non eravamo il solito Tamai, la squadra che la gente si aspetta di vedere in campionato. Eravamo poco aggressivi e l’atteggiamento non era quello giusto. Non abbiamo preso grosse imbarcate perché sebbene il passivo fosse pesante, i gol sono stati anche frutto di episodi, come nella gara con il Levico. Oggi invece abbiamo migliorato la fase difensiva, a partire dagli attaccanti. Quando si prendono tanti gol la colpa non è mai solo della difesa>>.
I 3 punti servivano come il pane. La classifica resta cortissima e più che la posizione, il Tamai ora deve ritrovare la costanza. E d’accordo?: << Si assolutamente. Questo è un campionato in cui puoi vincere o perdere con tutte. Non dobbiamo concentrarci su dove siamo, ma necessitiamo di guardare a noi stessi. È importante trovare continuità e in questo modo arriveranno i risultati>>.

Fabrizio Sacilotto